Chi dona e chi prende

Poesie
1 min di lettura
Print
Hands

Silenzio all’ombra dei miei ricordi
dove il cuore si nasconde dai venti

Le mie lacrime senza voce davvero non le vedevo
non sapendo che ero ancora bloccato dal dolore
La tua visione ora riapre le mie ferite
ma qualcosa è diverso non più mi nascondo nella paura

I tuoi occhi profondi ammorbidiscono le spine nella mia carne
il modo in cui mi guardi sembra giusto

Una voce che sento sussurrarmi all’orecchio
essere abbastanza coraggioso da prendersi cura di te

Lentamente le mie mani si aprono nel perdono
l’orgoglio svanisce in un atto di gentilezza

Finalmente guarisco dalle ferite del tempo
mentre il mio respiro trova un suono più profondo

Le nostre labbra smettono di ferirsi ciecamente a vicenda
dolce silenzio tra di noi… dare e avere